CITTA DI ISERNIA E’ FINALE !

ISERNIA. Non c’è niente da fare per il Venafro, travolto da un’Isernia incontenibile. Al ‘Lancellotta’ si impongono i biancocelesti che, sul finale del primo tempo, travolgono gli ospiti con un secco 3-0. A rete Di Gregorio, che nel giro di 5 minuti – al 36esimo e al 41esimo – concretizza due splendide azioni; vantaggio poi consolidato da Pettrone al 44esimo di testa su calcio d’angolo di D’Ovidio.

Nella ripresa i bianconeri, psicologicamente segnati dalla valanga di reti subite nel giro di pochissimi minuti, arrancano e concretizzano pochissimo: fino a una leggerezza della difesa biancoceleste che concede il gol della bandiera a Felace, entrato in campo nella seconda frazione per sostituire il numero venafrano 10 Lombardi.

Si chiude quindi sul 3-1 la semifinale di ritorno, dominata e vinta dalla Città d’Isernia che conquista così un posto nella finale di Campobasso del 19 giugno.

Nei prossimi giorni saranno diffusi maggiori dettagli per l’acquisto dei biglietti e l’ingresso allo stadio.

Sul campo di Capriati il risultato è di 2-1 per l’Aurora Alto Casertano, che sarà l’altro contendente per la promozione in Serie D

Tabellino:

Citta di Isernia :

Amoroso De Vizia Di Giulio D’ Ovidio Sabatino Pepe Mingione (46′ N’Diaye ) Gondola Lombardi ( 58′ Rossi) Pettrone ( 75′ Mocerino) Di Gregorio All Di Rienzo

Venafro :

Russo Fargnoli Bravaccini Cipriano Di Iorio Scasserra Sisti ( 89’Manselli) Lillo ( 79′ Grande) Bianchi ( 89′ Di Cicco) Lombardi ( 76′ Felace) Pesce ( 50′ Minichiello) All: Capaccione

Marcatori: 36′ 39′ Di Gregorio 44′ Pettrone

Note : ammoniti  Lillo Scasserra Fargnoli

 

 

 

Facebook
Twitter
LinkedIn

Altri articoli

ISERNIA IL CUORE NON BASTA

Grande prova di orgoglio dei biancocelesti che, con una prestazione encomiabile, stendono 4-3 i sardi dell’Ossese con l’affermazione casalinga però, in virtù

TUTTI ALLO STADIO 12 IN CAMPO

La societa’ Citta di Isernia San Leucio in occasione della partita di ritorno valida per i quarti di finale di coppa Italia

ISERNIA FORZA 3

Tre marcature, tre punti e terzo posto in graduatoria per i biancocelesti che si impongono senza alcun patema d’animo al Di Ianni