Città di Isernia Fraterna Roccasicura, continuano gli allenamenti

Città Di Isernia Fraterna Roccasicura

Si avvicina la ripartenza del campionato. Dopo la breve pausa pasquale per ricaricare le energie, i ragazzi della squadra biancoceleste sono pronti e agguerriti. La Città di Isernia Fraterna Roccasicura torna sul sintetico per gli ultimi allenamenti in vista della ripartenza del campionato. Domenica 25 aprile si tornerà infatti a giocare, finalmente, con tutte le disposizioni del caso, come già ampiamente comunicato in precedenza. Dopo l’ultimo acquisto presentato, Marco Pepe, gradito ritorno nella rosa a disposizione di mister Fabio Di Rienzo, i ragazzi lavorano sulla tattica e sulla coordinazione privilegiando anche lo studio di nuovi moduli sotto l’infaticabile guida della struttura tecnica. Questo a riconferma dell’impegno della società del presidente Traisci, nel voler costruire una compagine determinata e agguerrita pronta a riportare il blasone biancoceleste al top delle categorie. Lo spogliatoio è unito da un solo desiderio: quello di vincere. Di Rienzo, negli allenamenti di giovedì 8 aprile, ha ribadito ai suoi lo spirito che deve guidarli: nessuna prima donna, nessun titolare, ma un gruppo di compagni fraterni che si fidano l’uno dell’altro e che ha come obiettivo quello di portare a casa il risultato della squadra, non del singolo. Con questo nella mente e nel cuore, i ragazzi dell’Isernia si stanno preparando alla grande emozione di incontrare nuovamente gli avversari sul campo tra meno di due settimane.

Facebook
Twitter
LinkedIn

Altri articoli

ISERNIA IL CUORE NON BASTA

Grande prova di orgoglio dei biancocelesti che, con una prestazione encomiabile, stendono 4-3 i sardi dell’Ossese con l’affermazione casalinga però, in virtù

TUTTI ALLO STADIO 12 IN CAMPO

La societa’ Citta di Isernia San Leucio in occasione della partita di ritorno valida per i quarti di finale di coppa Italia

ISERNIA FORZA 3

Tre marcature, tre punti e terzo posto in graduatoria per i biancocelesti che si impongono senza alcun patema d’animo al Di Ianni